Elezioni USA: cosa ne pensa Trump dell'ambiente?

Elezioni USA: cosa ne pensa Trump dell'ambiente?

Oltre a New York e Chicago, i cortei hanno sfilato anche a Seattle, Portland, Oakland, San Francisco, Los Angeles, Boston, Filadelfia, Detroit e Austin. "Sarò il presidente di tutti gli americani", ha promesso Trump.

"Abbiamo bisogno che voi continuate a lottare, la notte scorsa mi sono congratulata con Donald Trump e gli ho offerto di lavorare con lui per il nostro Paese, spero che sia il presidente di tutti", dice. Sull'accordo di Parigi, invece l'associazione ambientalista non ha nessuno dubbio: la spinta impressa dalla ratifica dell'Accordo di Parigi non può essere arrestata da un solo paese seppure molto importante come gli Stati Uniti, vista la grave crisi climatica che tocchiamo con mano ogni giorno. Del resto la platea piange apertamente. Nella notte si era fatto sentire anche il presidente uscente Barack Obama: "Non importa cosa accadrà, il sole sorgerà al mattino e l'America rimarrà ancora la più grande nazione al mondo", ha detto in un video pubblicato da Buzzfeed su Twitter esortando gli americani a rimanere uniti.E mentre Trump avanzava verso la Casa Bianca, i mercati mondiali sono crollati. Per questo Hillary si rivolge soprattutto a loro. "Non sono una che crede troppo ai segni, ma credo che questo lo prenderò per buono senza indugi". L'Ufficio presidenziale sudcoreano ha convocato una seduta del Consiglio sulla sicurezza nazionale per discutere "il potenziale impatto delle elezioni presidenziali" Usa, riferisce l'agenzia Yonhap, in merito alla stretta attenzione sul voto Usa per gli effetti che ci sarebbero potuti essere in Asia a seconda del candidato vincente. Lascia il quartier generale di New York rigorosamente vestita di grigio scuro e viola, stesso colore della cravatta del marito Bill. Una leadership, quella americana, che ora sembra venir meno e che rende ancora più vitale il ruolo di guida dell'Unione Europea. Oggi, Trump sarà ricevuto da Barack Obama alla Casa Bianca per il passaggio di consegne tra l'attuale e il futuro leader degli USA. "È stata una campagna dura e lunga, molti sono tristi oggi altri sono felici ma questa è la democrazia" ricorda il presidente. Forti tensioni ed arresti anche a Columbus Circle, all'ingresso nord di Central Park dove si trova il grattacielo Trump Hotel. Infine, l'onore delle armi al vincitore.

"Grazie amici miei" dice a chi la applaude. "Ma sono fiera e sono grata per questa magnifica campagna elettorale che abbiamo affrontato assieme".