Ibernata 14enne malata di cancro. "Se trovano una cura, mi sveglieranno"

Ibernata 14enne malata di cancro.

"Che vita sarebbe, ammesso che sia possibile tornare in vita?", avrebbe detto il genitore.

Nel Regno Unito ha vinto, in tribunale, il diritto alla crioconservazione post-mortem nella speranza di poter essere guariti a distanza di anni dal decesso: è il caso di una 14enne inglese, deceduta a seguito di una rara forma di tumore lo scorso ottobre, secondo quanto riporta la stampa britannica. I giudici hanno accolto la sua richiesta e il corpo e' stato portato negli Stati Uniti per essere congelato, al costo di 37.000 sterline, presso una societa' privata specializzata. Ma l'obiettivo vero - al centro anche delle trame di numerosi film e libri a sfondo più o meno fantascientifico - è quello di mantenerlo in condizioni sostanzialmente intatte nella speranza di poterlo poi risuscitare in un ipotetico contesto di ricerche più avanzate. In particolare il giudice è intervenuto nella disputa nata tra il padre della 14enne, contrario alla scelta della figlia, e la madre, che era invece d'accordo. Penso che essere crioconservata mi dia la possibilità di essere svegliata e magari curata - anche tra centinaia d'anni. "Non voglio essere seppellita sottoterra".

A contribuire alla decisione del giudice è stata anche la lettera che la ragazza aveva scritto prima di morire: "Mi è stato chiesto di spiegare il motivo per cui voglio sottopormi a questa cosa insolita". Voglio vivere, vivere più a lungo, perché in futuro potrebbero trovare una cura per il mio cancro e risvegliarmi. Voglio avere questa opportunità. Inizialmente il padre di JS si era opposto alla decisione della figlia, poi aveva cambiato idea e spiegato al giudice di rispettare "le volontà di mia figlia: questa è l'ultima e la sola cosa che mi ha chiesto". "Questo è il mio desiderio", infine realizzato. Il giudice ha anche sottolineato come il trust dell'ospedale, seppur desideroso di aiutare, non supportava la criogenica. Dopo aver cercato su internet informazioni sulla conservazione criogenica, JS ha deciso di voler essere congelata dopo la propria morte. L'uomo ha raccontato di essere stato profondamente toccato dall'animo coraggioso con cui la ragazza ha affrontato la sua sorte.