Contratto statali, nodo irrisolto sui 85 euro. Sindacati chiedono modifica

Contratto statali, nodo irrisolto sui 85 euro. Sindacati chiedono modifica

Il nodo bonus fiscale degli ottanta euro riguarderebbe 800mila lavoratori (250mila solo nella scuola).

Si cerca un accordo per il rinnovo contrattuale degli statali. Secondo quanto si apprende per le forze dell'ordine ci sarebbero il prossimo anno circa 850-900 milioni di cui 480 per prorogare il bonus degli 80 euro, 100-170 per le assunzioni, 40 per la forestale e 250 per il riordino delle carriere.

Come ormai noto a tutti, infatti, frantumato il tabù della riduzione dei comparti di contrattazione, unico scoglio addebitabile ai sindacati, per il rinnovo dei contratti restano intatti tutti i problemi introdotti con la legge 15/2009 e il decreto legislativo 150/2009 (le cosiddette norme Brunetta) relativamente al rapporto legge/contratti ed ai salari di produttività che, come tutti possono facilmente comprendere, non sono nella disponibilità materiale del Sindacato e dipendono esclusivamente dalla volontà politica governativa. Il governo avrebbe quindi accolto la richiesta dei sindacati che chiedevano la modifica delle regole anche per il comparto della scuola.

"Spero proprio che si chiuda, dopo tanto lavoro siamo venuti qui per chiudere": dice il segretario generale della Cisl, Annamaria Furlan, entrando al tavolo con il ministro della P.a. Marianna Madia sul rinnovo del contratto dei dipendenti pubblici. Inoltre, una delle novità presenti nella bozza di intesa in discussione è quella di incentivare le presenze nel pubblico impiego con misure contrattuali. Così sarebbe partito il tavolo a palazzo Vidoni sullo sblocco dei contratti nel pubblico impiego. Dunque al momento, le parti rimangono sulle posizioni gia' emerse nel precedente incontro del 24 novembre.