Di Sulmona la ragazza dispersa dopo attentato Berlino

Di Sulmona la ragazza dispersa dopo attentato Berlino

Ma solo oggi, quando la giovane non si è recata al lavoro, è scattato l'allarme.

Ecco il testo dell'appello pubblicato su facebook da Berlino Magazine: "Al momento non si hanno notizie di una ragazza italiana, Fabrizia Di Lorenzo".

ATTENTATORE - Intanto è emerso che il giovane immigrato di origini pachistane fermato ieri sera dalla polizia tedesca per la strage di Berlino potrebbe non essere l'autore dell'attentato.

Nell'attentato di ieri sono morte 12 persone.

La madre e il fratello di Fabrizia sono partiti per Berlino per essere sottoposti all'esame del Dna. Anche il padre che lavora alle poste italiane è in partenza: lo ha rivelato lui stesso ai colleghi che lavorano con lui nell'ufficio centrale di Piazza della Brigata Mariella andati a trovarlo a casa subito dopo la divulgazione della notizia.

Procura Roma apre inchiesta - "Attendiamo le informazioni della magistratura tedesca sull'identità delle vittime", ha detto ancora Alfano. Come si legge su La Repubblica, i genitori di Fabrizia Di Lorenzo sono già stati avvertiti nella notte. Il suo cellulare è stato ritrovato sul luogo dell'attentato. Ci sono alcune vittime non ancora identificate: la speranza è che tra queste non ci sia il corpo di Fabrizia Di Lorenzo, ma che sia viva e possa riabbracciare i suoi cari.

"Nel 2014 collaborò con noi". Il tir era arrivato dall'Italia, da dove era partito il 16 dopo aver caricato dei laminati in uno stabilimento della Brianza, in Lombardia, e trasportava ponteggi di acciaio che avrebbero dovuto essere scaricati a Berlino. In passato aveva scritto anche per diverse testate web di geopolitica.