Dirottamento Malta: due uomini coinvolti, negoziazione in corso

Dirottamento Malta: due uomini coinvolti, negoziazione in corso

Il volo era partito da Sebha, nel sudovest della Libia, ed era diretto a Tripoli. Al termine di una trattativa lunga due ore, condotta direttamente con le autorità libiche, i due (avrebbero intorno ai 30 anni e sarebbero originari della Libia meridionale) avrebbero chiesto asilo politico a Tripoli e hanno accettato di liberare i passeggeri. A bordo, 118 persone, di cui sette membri dell'equipaggio.

Secondo il rapporto del Associated Press in precedente, c'erano due dirottatori e hanno minacciato di bombardare l'aereo e ha rifiutato la richiesta dell'atterraggio del pilota. Secondo fonti maltesi, i due sarebbero sostenitori dell'ex leader libico Muammar Gheddafi.

Un volo interno libico è stato dirottato a Malta ed è atterrato sull'isola. Il dirottatore è uscito dal portellone del velivolo sventolando una bandiera verde della Jamahiriya, simbolo della Libia di Gheddafi. Lo riporta la stampa maltese, precisando che l'aereo è stato circondato da militari e membri delle forze speciali di Malta. Stando ad altre testimonianze volevano fare rotta su Roma. A riferirlo il quotidiano Times of Malta, spiegando che si tratta di un volo di Afriqiyah Airways con 118 persone a bordo. I passeggeri e le hostess vennero rilasciati in cambio di combustibile dai dirottatori palestinesi che poi si arresero.