M5S: Farage parla con Grillo e Casaleggio,dettate condizioni

M5S: Farage parla con Grillo e Casaleggio,dettate condizioni

Prima della riunione che si annuncia drammatica Grillo affida a un comunicato il commento di quella che appare una vera e propria beffa non solo all'opposizione che subito attacca l'incompetenza del "comico" Grillo che ha portato a sbattere i suoi in Europa.

Il dietrofront annulla di fatto il referendum online promosso tra gli attivisti pentastellati e che aveva visto più di 30mila preferenze verso il confluimento degli europarlamentari 5 Stelle nel più numeroso gruppo dei liberali dell'Alde: un accordo stretto in gran segreto con l'ex premier belga Guy Verhofstadt, attuale candidato alla poltrona di presidente dell'Europarlamento, ma poi annullato dopo le prese di posizione dei liberali, francesi e tedeschi in primis. "Mi spiace per gli elettori dei 5 stelle in buona fede - conclude Salvini - che pensavano di votare per un partito che voleva lasciare l'euro, cambiare l'Europa e bloccare l'immigrazione".

Pace fatta tra Grillo e Farage, ma a che condizione.

Il dietrofront dell'Alde arriva dopo la firma di un preaccordo datata 4 gennaio scorso tra lo stesso Movimento e l'Alde in cui si legge che i due gruppi "condividono i valori centrali di libertà, uguaglianza, trasparenza". E così passa all'inciucio, infatti se dovesse andare in porto l'adesione, l'ALDE diverrebbe il terzo più grande gruppo dopo il PPE e l'S&D. "Perciò da iscritto, contro il metodo utilizzato, che non ha nulla a che fare con democrazia diretta, e contro un gruppo come l'ALDE che rappresenta il liberismo e l'eurismo più sfrenato, ho votato per la permanenza nel gruppo EFDD". Verhostadt, che oggi si propone come negoziatore per la Brexit dovrebbe solo vergognarsi, perché da meschino si è piegato alle pressioni dell'establishment. Adinolfi ricorda quindi quanto successo quando in Aula si discuteva, lo scorso anno, di unioni civili: "Questo permette ai parlamentari di dire durante il dibattito sul ddl Cirinnà di proporre il matrimonio multiplo, a tre o quattro". E mai auspicio è stato così prontamente esaudito: in 24 ore il Movimento ha compiuto la conversione a U e ora si ritrova di nuovo a fianco degli indipendentisti britannici nel gruppo degli euroscettici (Efdd). Abbiamo anche la possibilità di formare un nostro gruppo, ma ci siamo resi conto che per quello ci sarebbe voluto più tempo.

Grillo sostiene invece che, fallito il dialogo coni verdi, tenuto conto che gli eurodeputati inglesi abbandoneranno il parlamento dalla prossima legislatura, Alde resta l'unico come possibile alleato che "conta 68 eurodeputati e con la presenza del MoVimento 5 Stelle diventerebbe la terza forza politica al Parlamento europeo". Per lui, il fedelissimo della prima ora, fino a ieri co-presidente del gruppo Efdd, era stata messa sul piatto perfino la vicepresidenza dell'Alde e con la candidatura di Verhofstad alla presidenza del Parlamento europeo, chissà, anche qualcosa di più. Che poi entrambi sono ancora lì, belli attivi e belli politici... nel bene e nel male. Secondo il regolamento, per costituire un gruppo parlamentare occorre soddisfare due requisiti: devono partecipare almeno 25 eurodeputati, eletti in almeno sette Stati membri diversi dell'Ue.