Stati Uniti, Obama: "È stato un onore servire gli americani"

Stati Uniti, Obama:

Putin non fa attendere la sua risposta e attraverso un suo portavoce, ribadendo che la Russia è totalmente estranea ai gravi atti di pirataggio informatico, aggiungendo che questo modo di operare degli Stati Uniti danneggia ulteriormente i rapporti e posticipano i tanto annunciati accordi bilaterali tra le due super potenze.

"Da quando sono vegana - spiega la ragazza emozionata all'ex presidente degli Stati Uniti - sto cercando di convincere tutti a diventarlo, perché in pochi sanno, per esempio, che è l'industria della carne ad avere il maggior impatto sull'ambiente e sull'inquinamento, ma capisco che molti non vogliono diventarlo, ora mi chiedo, come possiamo diffondere comunque questa consapevolezza il più possibile?" chiede Lia Marie ad Obama. L'FBI, dal canto suo, ha reso noto di "valutare la attendibilità di queste informazioni".

Il presidente americano annuncia sanzioni contro gli hacker russi che hanno turbato le elezioni presidenziali. Stando a quanto emerge, il rapporto è stato incluso come appendice alla relazione dell'intelligence Usa sulle cyberintrusioni guidate dalla Russia, ma non è frutto di quella inchiesta.

Altri media statunitensi pubblicano altri particolari particolarmente laidi. Informazioni che, sostiene l'emittente, proverrebbero dai servizi segreti britannici.

E non è tutto: dal rapporto emergerebbero anche contatti frequenti tra rappresentanti di Trump ed intermediari del governo di Mosca durante la campagna elettorale. La conclusione del discorso non poteva che essere con un 'Yes we can'. L'agente di sua Maestà è considerato dai servizi "competente, affidabile e dotato di una lunga esperienza in Russia", ma ha passato informazioni di seconda mano "ricevute da informatori russi" e le informazioni non sono ancora passate al vaglio delle autorità Usa. Un passaggio della vicenda indica - stando ancora alla Cnn - che il senatore repubblicano John McCain - a sua volta informato da un ex diplomatico britannico per un periodo di stanza a Mosca - era venuto in possesso del materiale, riguardante un lasso di tempo tra giugno e dicembre 2016, e che ne aveva consegnato copia al direttore dell'Fbi.