Ancora gelo e deboli nevicate nella Tuscia

Ancora gelo e deboli nevicate nella Tuscia

Fortunatamente le temperature sono destinate a salire velocemente nel corso della giornata di domani, tuttavia, tale fase, risulterà particolarmente veloce.

La breve tregua di ieri ha consentito ai soccorritori di raggiungere alcune delle numerose masserie rimaste in questi giorni completamente isolate e di liberare alcune strade della regione rese impraticabili dalla neve e dal ghiaccio. Precipitazioni dapprima sulla Sardegna, in successiva estensione a Sicilia e Calabria, nevose oltre 700-900 metri nelle isole, a quote inferiori in Calabria.

Quel tanto che basta per far prevedere neve mista a pioggia o deboli nevicate su domenica 15 e martedì 17 gennaio. "Da venerdì si prospetta l'arrivo di un nuovo nucleo di aria artica sul nostro Paese e potrebbe arrivare finalmente la prima neve della stagione sui rilievi del Nordest". Da giovedì avremo un sensibile rialzo termico, soprattutto sui valori massimi. Temperature con poche variazioni: ancora freddo intenso anche nelle ore centrali del giorno, con massime di poco al di sopra degli zero gradi (in alcune zone, specie nell'interno del Centro, rimarranno addirittura al di sotto degli zero gradi). A partire dalle orticole, soprattutto in regioni come Puglia e Basilicata, due regioni che forniscono buona parte di questi prodotti in Italia. Altrove splenderà il sole, ma come dicevamo le temperature scenderanno nuovamente. Secondo l'Agenzia regionale per la protezione ambientale (Arpa), i fenomeni si esauriranno nella tarda serata, quando è previsto un ulteriore diminuzione delle temperature, già ampiamente al di sotto dello zero anche nei giorni scorsi. Intorno allo zero al Centro (- 2 a Firenze, - 4 a Perugia, 2 ad Ancona e Roma).

Da mercoledì meno freddo, ma nuovi impulsi instabili.