Un po' di ordine sulla storia degli 80 euro

Un po' di ordine sulla storia degli 80 euro

Atripalda si attesta molto al di sotto della media nazionale con un reddito medio annuo di 16.661,00 euro. I lavoratori autonomi hanno il reddito medio più elevato, pari a 38.290 euro, mentre il reddito medio dichiarato dagli imprenditori è pari a 19.990 euro.

Con il Comunicato Stampa n. 29 del 28-02-2017 il Ministero dell'Economia e delle Finanze rende nota la pubblicazione delle statistiche sulle dichiarazioni dei redditi delle persone fisiche (Irpef) relative all'anno di imposta 2015.

Analizzando le dichiarazioni, risulta che il 45% dei contribuenti, che dichiara solo il 4,5% dell'Irpef totale, si colloca nella classe di reddito fino a 15mila euro. Scegliendo il comune che si desidera esplorare è possibile vedere il numero di contribuenti per fasce di reddito (nel primo grafico a barre) e il reddito imponibile totale per fasce di reddito (nel secondo). Dal punto di vista geografico la Regione con il reddito medio complessivo più alto si conferma la Lombardia (24.520 euro) mentre in fondo alla classifica c'è la Calabria con 14.780. L'aumento dell'ammontare è dovuto solo al fatto che nel 2015 il bonus è stato applicato per l'intero anno (per complessivi 960 euro rispetto a 640 euro del 2014). Allo stesso tempo va sottolineato, come spiega il dipartimento, che 1,1 milioni di contribuenti hanno però ottenuto anche la restituzione di ritenute Irpef indebitamente versate, pari a 697 milioni di euro.

A questo proposito, il consiglio che diamo ai contribuenti privi di adeguata competenza fiscale è quello di rivolgersi ad un iscritto all'albo dei dottori commercialisti e degli esperti contabili al fine di predisporre, verificare ed invare la propria dichiarazione dei redditi modello 730. I casi principali di restituzione o nuova erogazione interessano tre categorie di persone: i contribuenti che durante l'anno hanno ricevuto un aumento di stipendio, e quindi hanno cambiato fascia di reddito; quelli che hanno aggiunto un altro reddito oltre a quello già preso in considerazione; quelli che durante l'anno hanno perso il lavoro o subìto una riduzione dello stipendio, e che di conseguenza hanno dichiarato meno di 8.174 euro. Il reddito medio da pensione è invece inferiore a 17.000 euro. Considerate sia le detrazioni che il bonus di 80 euro, a versare l'Irpef è il 70%, poco più di due su tre e, secondo il Mef, a non versare l'imposta sono stati nel 2015 12,2 milioni di contribuenti.

Per fortuna dei contribuenti Irpef dal 2016 è scattato il blocco della leva fiscale utilizzata da sindaci e governatori per aumentare il conto delle addizionali.

Importante anche notare quanti contribuenti hanno dovuto restituire il bonus mensile di 80 euro garantito dal Governo Renzi: quasi un milione di italiani (su 12 milioni di beneficiari) sono stati costretti a restituire la somma integralmente, mentre altri 765.000 contribuenti hanno dovuto restituire comunque una parte del bonus. L'addizionale regionale media è pari a 400 euro (380 euro nel 2014).

ADDIZIONALI REGIONALI, SARDEGNA IN CODA - Continuano a salire le addizionali: quella regionale ammonta nel 2015 a circa 11,8 miliardi di euro (+4,1% rispetto al 2014).