Carburanti: rincaro dei prezzi in vista della Pasqua

Carburanti: rincaro dei prezzi in vista della Pasqua

Le vacanze di Pasqua iniziano il 13 e finiscono il 18 aprile: una bella settimana di stop per le famiglie pronte a mettersi in viaggio. Per Eni, l'aumento è stato di 2 centesimi per la benzina e di 1 cent per il diesel, mentre per Tamoil l'innalzamento del costo è di 0,1 € per entrambe le tipologie di carburante, a differenza di Esso, che aggiunge un centesimo soltanto per il gasolio.

Cresce il prezzo dei carburanti sulla rete distributiva italiana. A una settimana a motivo di Pasqua, chi ha autoritario che solere la autovettura in decorrere esteriormente qualche giorno per giorno rischia che andare a finire appuntamento a una legnata. Ad esempio, secondo 'Quotidiano Energia', il prezzo medio nazionale praticato in modalità self della benzina è pari a 1,533 euro/litro, con i diversi marchi che vanno da 1,526 a 1,558 euro/litro (no-logo 1,509). Per quanto riguarda il diesel, invece, il prezzo medio nazionale arriva fino a 1,403 euro/litro per alcuni distributori (sempre prendendo in considerazione la modalità di vendita self service).

A valle degli ultimi movimenti delle compagnie si registra una netta tendenza dei prezzi sia della verde che del gasolio.

Per chi vuole constatare la differenza tra il costo del Gpl e il prezzo di benzina e diesel, sappia che ci sono variazioni da 0,616 a 0,633 Euro/Litro.

Secondo Trivago le destinazioni più cliccate in Italia per le vacanze pasquali dagli stranieri sono le città d'arte, ma è anche vero che tantissimi sono i turisti che hanno il desiderio di raggiungere la Riviera per godersi un periodo di sole e di mare e magari programmare un'escursione nell'entroterra.