Formula 1, Gp Spagna ordine d'arrivo: Hamilton primo, Vettel secondo

Formula 1, Gp Spagna ordine d'arrivo: Hamilton primo, Vettel secondo

Le Red Bull di Max Verstappen, quinto, e di Daniel Ricciardo, sesto, non paiono poter impensierire i primi quattro della graduatoria e si apprestano a condurre il gruppo degli "altri".

65/66 - Si entra nell'ultimo giro con Hamilton che si avvia verso la vittoria. Meno difficile il sorpasso di Lewis ad Hamilton, ma altrettanto entusiasmanti. "Abbiamo una macchina davvero molto forte", ha detto il team principal della Ferrari, Maurizio Arrivabene. "Mentre là dietro i distacchi diventavano abissali (30" dalla terza posizione in giù), la Ferrari al giro numero 14 ha fatto rientrare Seb (gomme medie), mentre Hamilton ha ritardato il primo pit-stop, perdendo in questa fase 2" al giro. "Non è il mio primo pensiero in questo momento.". Quindi il tedesco si è trovato in svantaggio nel miglior sfruttamento delle coperture rispetto all'inglese. La Ferrari, però, è stata la sua ombra. Sergio Perez ed Esteban Ocon hanno gestito ottimamente la corsa, approfittando anche dei guai altrui, risalendo fino ai piedi del podio. Vettel continua a spingere ed ora ha un vantaggio di 4.5 secondi su Lewis Hamilton. Resta in testa al campionato, ed è tanta roba.

Lewis Hamilton vince il gran premio di Spagna, dopo un entusiasmante duello con la Ferrari di Vettel, il tre volte campione del mondo si rifà, e c'era da aspettarselo, dalla debacle di Sochi. Intanto anche Hamilton guadagna terreno sul compagno di squadra. Sebastian non sembra avere il ritmo per rispondere.

35/66 - Vettel rientra ai box e monta gomma bianca. Chiude con un ritiro anche l'altro pilota Mercedes, il finlandese Bottas.

Giro 12 - Il muretto Mercedes invita Hamilton a spingere al limite la sua vettura "push to the limit", riuscirà Hamilton a spremere tutti i cavalli della sua monoposto prima della sosta, senza commettere errori?

Qualifica straordinaria per l'idolo di casa Fernando Alonso, che vede un po' di luce in fondo al tunnel conquistando un'insperata settima posizione davanti al suo pubblico con la una McLaren anche ieri afflitta da problemi di affidabilità al motore Honda.

Al 35° giro contatto tra Massa e Vandoorne: virtual Safty-car. "Prima della safety car ha perso un po' di tempo dietro Bottas, sicuramente lo ha penalizzato".

La sensazione è che il testa a testa tra Mercedes e Ferrari, tra Hamilton e Vettel, potrebbe durare a lungo in un Mondiale finalmente equilibrato e con la rossa di nuovo competitiva. "E' stato pericoloso", ha commentato Hamilton via radio. Hamilton invece allunga il suo primo stint, prendendo la corsia dei box solamente al termine della tornata 20. Stesso destino per l'olandese della Red Bull, vincitore qui nel 2016. Ciò che separa l'australiano dai primi due è il distacco di un minuto e quindici secondi. Il pilota britannico è riuscito a sorpassare il tedesco della Ferrari al 44° giro, senza più farsi recuperare.