Addio alla stilista Carla Fendi

Addio alla stilista Carla Fendi

Se ne è andata una stratega per il successo dell'azienda, la vera ambasciatrice per la maison che porta ancora il suo nome, senza nulla togliere alle altre sorelle: "Siamo come le cinque dita di una mano, diceva sempre nostra madre, ognuna ha la sua funzione" amava ripetere per far capire come anche le sue sorelle avevano la loro parte di responsabilità e di merito del successo dell'azienda. Carla, quarta delle 5 sorelle Fendi, figlie dei fondatori della Maison, si è spenta a Roma questa sera.

Nel 2007, la stilista - che aveva sempre amato l'arte e la musica - volle creare la Fondazione Carla Fendi, nata con lo scopo di supportare le arti, l'artigianato e il sociale.

Alda, Franca, Paola, Anna e Carla: la famiglia Fendi perde la donna che ha reso grande - nel mondo - un marchio tutto italiano. Carla entra giovanissima a lavorare nel gruppo di famiglia. Inizia in amministrazione, poi presto è la volta della progettazione e poi una rapida ascesa fino alle pubbliche relazioni dell'azienda e ai rapporti con il mercato estero, in particolare l'America che porterà il marchio a diventare uno dei più apprezzati e valorizzati in tutto il mondo.

Per 50 anni è stata al fianco di Karl Lagerfeld, lo stilista che disegna Fendi, in un rapporto di amicizia quasi devoto al genio del Kaiser, rispettosissimo e affettuoso. Con la crescita e lo sviluppo dell'azienda Carla Fendi, pur continuando a collaborare alla creazione si occupa in modo specifico della Comunicazione, dall'Ufficio Stampa, alla Pubblicità, all'Immagine, alle Manifestazioni.

Cordoglio dall'Umbria "La morte di Carla Fendi ci addolora tutti - afferma la presidente Catiuscia Marini -". Speroni si è spento nel 2013 dopo una breve malattia.