Nuovo lutto nella moda: morta la stilista Carla Fendi

Nuovo lutto nella moda: morta la stilista Carla Fendi

Un lutto per il mondo della moda che le deve molto. Erano le ventuno di ieri, 19/6, quando Carla, appena rientrata a Palazzo Ruspoli dopo essere stata dimessa dalla clinica Quisisana, si è spenta. La stilista era malata da tempo. La notizia, rimbalzata al 'suo' Festival di Spoleto, lascia tutti senza parole. "Come le cinque dita di una mano, ognuna ha la sua funzione", ripeteva alle figlie mamma Adele, il cui laboratorio di pellicceria si sarebbe trasformato, anche grazie a loro, in uno dei marchi di moda più famosi del mondo. Abbiamo condiviso esperienze meravigliose. Carla entra nell'azienda di famiglia alla fine degli anni '50, giovanissima, per lavorare a fianco delle sorelle Paola, Anna, Franca e poi Alda. "Questo è il mio credo, e in questo metto tutte le mie energie". Con la crescita e lo sviluppo dell'azienda Carla Fendi, pur continuando a collaborare alla creazione, si è occupata in modo specifico della comunicazione, della pubblicità, dell'immagine, delle manifestazioni.

Divenuta icona delle relazioni pubbliche e degli eventi, cui si dedica con passione. Con lei scompare una straordinaria interprete della moda italiana, ma anche un'amica sincera dell'Umbria, della città di Spoleto e del suo festival che ha amato tantissimo.

Negli anni '80 al festival dei due Mondi, nel ruolo di responsabile della comunicazione, Carla Fendi lega il Marchio Fendi alla manifestazione.

Carla, assieme alle sue sorelle, prese la guida dell'azienda fondata dal padre nel 1960, dopo la morte del genitore, ma nessuna sapeva disegnare. L'obiettivo era quello di preservare la bellezza artistica e culturale, quindi attività nell'arte, nella letteratura, nel teatro e nel cinema, senza dimenticare l'ambiente. La Fondazione negli anni ha promosso eventi e supportato progetti nell'ambito della difesa ambientale.

Le sue azioni, come sottolineava Carla Fendi, erano "operazioni di puro mecenatismo, non sponsorizzazioni". Con l'amore della sua vita, come l'aveva spesso definito, aveva condiviso 50 anni della sua vita, fino alla sua scomparsa, avvenuta nel 2013 in seguito ad una breve malattia. Lui, ex farmacista di origini toscane, aveva abbandonato il mestiere per dedicarsi alla 'causa' di famiglia.

Marito e moglie, però, non si dedicarono solo alla moda.