Parma, la gioia di Crespo: "Questa città mi ha fatto diventare uomo"

Parma, la gioia di Crespo:

Complice il caldo, i ritmi calano vistosamente e da qui al termine della prima frazione di gioco non c'è più niente da segnalare, se non un l'assegnazione di 1' di recupero e l'espulsione del direttore sportivo del Parma, Faggiano. E, anziché ripartire dalla Serie B dopo la retrocessione, la salita sarebbe ricominciata dalla Serie D.

Notte di festa in quel di Parma, a seguito della promozione in Serie B grazie al successo ai danni dell'Alessandria nella finale playoff. Nell'atto conclusivo dei play off gli emiliani, che in semifinale avevano eliminato ai calci di rigore il Pordenone, si sono imposti, a Firenze, per 2-0 sull'Alessandria (decisive le reti di Scavone e Nocciolini), a sua volta reduce dall'affermazione per 2-1 sulla Reggiana. In questa foto c'è tutto quello che siamo noi, c'è sofferenza, paura, sudore, sacrificio, c'è tutto quello che ci ha portato a giocarci questa partita oggi. "Adesso è il momento di metabolizzare la fine di questa stagione che ci ha portati in Serie B. Dobbiamo inoltre valutare alcune cose col mister". Ogni energia, ogni forza, tutto quello che è rimasto lo diamo oggi. Sì, ma da sempre. abbiamo plasmato un gruppo importante, non è mai facile subentrare.

" Un'ultima cosa, non so se avrò la possibilità di riprovarci io". Il successo, però, porterà alla riconferma dell'assetto tecnico, a partire dal tecnico Roberto D'Aversa, subentrato a stagione in corso e protagonista di una promozione ad un certo punto quasi insperata, ma di certo improbabile.