Berlusconi: "Al governo mai con Renzi"

Berlusconi:

Matteo Renzi durante la trasmissione 'In 1/2 Ora' condotta da Lucia Annunziata, sullo schermo Berlusconi. Io ricordo che Berlusconi e Forza Italia hanno sostenuto Monti, Letta e Renzi. Non ritengo possibile e neppure desiderabile una collaborazione con lui e con il Pd. Che infatti ha manifestato immediato gradimento per le parole di Berlusconi, soprattutto per la parte in cui quest'ultimo ha affermato di non avere alcuna intenzione di fare alleanze col Pd o "al di fuori del centrodestra" né prima né dopo le elezioni e che "l'alleanza con la Lega non è mai stata in discussione" perché Forza Italia e la Lega "hanno lo stesso programma". E' "una buona notizia", si è limitato a commentare Matteo Salvini, il segretario della Lega, che in un albergo alla periferia di Piacenza ha riunito l'assemblea programmatica per preparare la sua agenda di governo, lasciando la parola ai tecnici su temi come il fisco, il lavoro, la semplificazione, la scuola e anche i rapporti economici con la Cina.

Silvio Berlusconi ha quindi ribadito che il suo obbiettivo è quello di portare il Centrodestra alla vittoria delle elezioni politiche e, quindi, al Governo. A Berlusconi che insiste nella ricerca di un candidato esterno alla coalizione, Salvini replica che "non occorre andare a cercare all'estero qualcuno che possa governare questo paese" e che "mi interessa che ci sua una squadra con un progetto". A sorpresa, invece, è intervenuto il fondatore di Energie per l'Italia, Stefano Parisi. "Qui ho sentito cose che non sono estremiste - ha risposto l'ex candidato sindaco di Milano ai giornalisti -".

A Piacenza, però, l'idea di un centrodestra unito non è nemmeno andata in frantumi. Del resto, chiosa: "L'alleanza con la Lega non è mai venuta meno". Quel che continua a mancare è una strategia condivisa, un confronto faccia a faccia che permetta di affrontare anche le questioni che ancora dividono. Nessuno dei due puo' dire al proprio elettorato, senza indebolirsi, di pensare a larghe intese.