Strage di via D'Amelio: Bagheria ricorda Borsellino e gli agenti della scorta

Strage di via D'Amelio: Bagheria ricorda Borsellino e gli agenti della scorta

Mercoledì 19 luglio Via D'Amelio Ore 7.30 - Partenza per 'l'acchianata' a Castello Utveggio Ore 15.30 - "La sentenza del processo sulla strage di Via D'Amelio: il depistaggio è confermato".

Ma anche le lettere a lui inviate da Carlo Alberto dalla Chiesa e Giovanni Falcone; i carteggi densi di amaro isolamento in quell'estate dell'88, dalla relazione di Borsellino all'ispettore Rovello, agli appunti d'intervento a Magistratura Indipendente: "Ho già pagato e fatto pagare alla mia famiglia così alto prezzo, che non mi spaventa affatto pagarne altro ancor più salato e decisivo".

Questa, la frase di Borsellino che ispira l'iniziativa di mercoledì prossimo, nel corso della quale la Cgil vuole ricordare "la sua figura straordinaria, il cui coraggio e il cui insegnamento ci danno la forza per continuare la lotta per liberare il Paese da quello che è un vero e proprio cappio al collo che impedisce all'Italia di ritrovare la strada e la prospettiva dello sviluppo economico, democratico e civile".

Ad eseguire la performance l'orchestra infantile "Falcone Borsellino" che sarà diretta dai maestri Semaias Botello e Serena Sicari.

Venticinque anni fa, il 19 luglio del 1992, meno di due mesi dopo la strage di Capaci, la mafia uccide Paolo Borsellino. Primo appuntamento della I Edizone della Rassegna Teatrale "Teatro in Giardino" si coglie l'occasione per ricordare a chi ha vissuto quegli anni e far consocere ai giovani di quando "la gente faceva il tifo per loro"... di quando la Mafia aveva Paura!

Le foto degli striscioni, cartelloni o di qualsiasi manufatto per onorare con il ricordo la strage di via D'Amelio potranno poi essere pubblicate sull'evento della pagina facebook del Comune.