World Emoji Day 2017 da Guinness World Record

World Emoji Day 2017 da Guinness World Record

Quindi oggi è la quarta giornata mondiale delle emoji, quelle faccine che sembravano destinate all'oblio per una società evoluta, ma che invece addirittura hanno trovato conforto nella applicazione del Consorzio Unicode che si occupa di standardizzare i pittogrammi in modo che siano visibili su ogni dispositivo e sistema operativo al mondo per non far cadere nello sconforto l'umanità che vive col cellulare in mano e non per telefonare.

Il primo emoticon della storia compare su una poesia del 1648 dello scrittore inglese Robert Herrick (24 agosto 1591 - 15 ottobre 1674) e consiste nel più semplice dei simboli, i due punti con la parentesi chiusa:). A certificarlo sono state le università del Michigan e di Pechino, che hanno analizzato 400 milioni di messaggi inviati da 4 milioni di smartphone in 212 Paesi. Come riportato nel sito ufficiale del World Emoji Day, l'evento si celebra nella giornata odierna poiché l'emoji calendario presente all'interno dei dispositivi iOS mostra la data del 17 luglio. Seguono la faccina con gli occhi a cuore (254 milioni) e quella che manda il bacio a forma di cuore (160 milioni). La faccia che ride a crepapelle è stata incoronata anche dai dizionari Oxford, che l'hanno eletta parola dell'anno 2015.

In occasione del World Emoji Day e dell'uscita cinematografica di Emoji Accendi le emozioni, i fan di tutto il mondo hanno voluto celebrare questo avvenimento stabilendo un nuovo Guinness World Records per il maggior numero di persone vestite contemporaneamente da emoji in diverse parti del pianeta.

World emoji day festeggiato da Facebook: 56 nuove faccine, anche gender
World Emoji Day, Ford festeggia così [VIDEO]

E i disegnini a disposizione stanno per aumentare.

Dietro alle scelte delle immagini da inserire nei vari dispositivi c'è l'Unicode Consortium, un'organizzazione no profit formata da aziende informatiche, partner istituzionali e istituti di ricerca che riceve le proposte per nuove emoji, le approva e infine le trasforma in abbozzi di immagini che verranno poi trasformate in disegni dalle aziende.