Yonghong Li fa sognare i tifosi del Milan

Yonghong Li fa sognare i tifosi del Milan

A far entusiasmare ancora di più il popolo rossonero è il presidente Yonghong Li che direttamente dalla Cina promette: "Dal primo giorno avevo garantito acquisti per il Milan". Sia in Italia che in Europa. "Questa squadra darà grandi soddisfazioni ai nostri tifosi, ne sono certo". "Oggi è un giorno molto importante per tutti noi. Questo accordo con la CNGEF permetterà a tutto il movimento calcistico cinese di crescere e di sviluppare un nuovo modello per tutti i giovani calciatori". Questa volta non c'è stato un atterraggio in elicottero, ma come per il numero uno di Fininvest gli effetti sul mercato sono stati immediati: Donadoni, Giovanni Galli, Rossi, Massaro, il compianto Borgonovo, Ancelotti, Colombo e gli olandesi Gullit e van Basten, in due anni tra l'86 e l'87 Berlusconi rifece il look alla squadra e permise al Milan di tornare a vincere lo Scudetto. Con Massimiliano Mirabelli, che è il nostro direttore dell'area tecnica, stiamo cercando di mettere a disposizione giocatori importanti e che hanno sposato il progetto del Milan ed ogni giorno che passa, giocatori importantissimi a livello internazionale chiedono informazioni su questo nostro progetto. Abbiamo la responsabilità di dover ricostruire un Milan straordinario.

Il Milan si conferma l'assoluta regina del mercato. Stiamo rinforzando molto la squadra che Vincenzo Montella, lo scorso anno, ha condotto al sesto posto garantendoci così l'accesso ai preliminari di Europa League. "Questo è un grande onore per noi".

E' ormai chiaro che la risalita del Milan che ha in mente Yonghong Li è di quelle vertiginose. Parola del presidente Li. Sì ma. quanto hanno speso? Per capire la 'forza' dirompente del Diavolo basti pensare che Abramovich al Chelsea si era 'limitato' nel 2003 a operazioni in entrata per 167,5 milioni e Rybolovlev, altro magnate russo, a 160 milioni nel 2013 al Monaco. Preceduti Mansur bin Zayd Al Nahyan (Manchester City, 157,3 mln nel 2008), Peter Lim (Valencia, 143,7 mln nel 2015), Nasser Al-Khelaifi (Psg, 107,1 mln nel 2011) e Di Benedetto (Roma, 91,2 mln nel 2011).