David Lynch e John Carpenter ricordano HARRY DEAN STANTON

David Lynch e John Carpenter ricordano HARRY DEAN STANTON

Acclamato da pubblico e colleghi, Harry Dean Stanton a 91 anni ha dato forse prova del suo immenso e sottovalutato talento attoriale nel debutto alla regia di John Carroll Lynch dal titolo Lucky (2017), molto applaudito al SXSW Festival lo scorso mese di marzo e in cui, ironia della vita, Stanton recita a fianco di un inedito David Lynch, amico nell'arte e nella vita fino alla fine.

Originario del Kentucky, secondo Variety, Harry Dean Stanton è morto per cause naturali presso l'ospedale Cedars-Sinai Hospital di Los Angeles. Ha lavorato con i più grandi registi, da David Lynch, del quale era uno degli attori preferiti, a John Milius, Wim Wenders, Martin Scorsese e Francis Ford Coppola. Il successo di Harry Dean Stanton si è esteso anche a produzioni hollywoodiane quali "Il miglio verde", "Alien" e "Il padrino - Parte II".

"Il grande Harry Dean Stanton ci ha lasciato". Se ne va un grande. Nessuno era come Harry Dean. Tutti lo amavano. E per una buona ragione. Era un grande attore (in realtà più che grande) e un grande essere umano - anche troppo per essergli accanto!

Sentiremo davvero la tua mancanza Harry Dean! Oltre ad averlo voluto in capolavori come Cuore selvaggio e Inland Empire, infatti, quest'ultimo gli ha regalato (o meglio: resuscitato) un ultimo ruolo memorabile nel recente revival di Twin Peaks: quello di Carl Rodd, proprietario del Fat Trout Trailer Park già precedentemente apparso in Fuoco cammina con me.