Alisson: "Grazie per i complimenti, ma non dedico la prestazione a Spalletti…"

Alisson:

Chiudersi in difesa è stata una scelta o una situazione di gioco che si è creata? Non ho fatto più del mio dovere, entro per fare questo, non prendere gol. Tutti tranne evidentemente quelli della Uefa che hanno deciso di non inserirlo nel "Fantasy team of the week", l'undici da sogno composto dai protagonisti di questa due giorni di Champions League.

Come mai la Roma è calata così? Abbiamo preso un girone difficile, questa partita deve essere da lezione per noi in futuro. Alla fine abbiamo faticato un po' perché l'Atletico difende molto bene. Abbiamo avuto più possesso palla nel primo tempo ma non abbiamo potuto creare tantr occasioni da gol. Ci sta contro di loro. Dobbiamo crescere di più. Nel primo tempo abbiamo fatto un bel pressing ma nel secondo tempo hanno cambiato modo di giocare e non siamo più riusciti ad andargli alle spalle.

Sì ma non possiamo lasciare altri punti dietro, specialmente in casa. Ora pensiamo alla prossima contro il Qarabag: non sappiamo molto cosa troveremo. Bisogna arrivare a quel momento con fiducia vincendo in campionato. Cosa è cambiato nella ripresa?

Non penso la condizione fisica, era due settimane che non giocavamo e questo conta sul ritmo. Dobbiamo imparare a leggere meglio la gara.

Qual è stata la parata più difficile? .