1 gennaio 2018: gli insetti sono serviti

1 gennaio 2018: gli insetti sono serviti

Gli insetti sono cruciali sia come impollinatori, sia come anello della catena alimentare: costituiscono il cibo di uccelli, rettili, piccoli mammiferi volanti e terrestri.

Gli insetti a tavola hanno scaldato la giornata conclusiva del Forum Coldiretti e trovato naturalmente decisa opposizione dal presidente di Federalimentare e ad di Inalca (Gruppo Cremonini), Luigi Scordamaglia: "Credo che le mode alimentari abbiano davvero toccato il fondo con questo arrivo degli insetti a tavola" - ha commentato -, aggiungendo che "La carne accompagna da sempre l'uomo, oggi abbiamo anche trovato il modo di produrla in modo sostenibile, quindi prima di cercare cose esasperatamente alternative faremmo bene a consumare più carne valorizzando così il lavoro dei nostri allevatori".

Nuovi alimenti ma anche prodotti tradizionali esteri: questa la veste che dal primo gennaio 2018 assumeranno gli insetti sul mercato italiano. È Coldiretti, nel suo Forum dell'Agricoltura e Alimentazione a Cernobbio, a mettere in rilievo la novità, che, secondo un sondaggio della stessa organizzazione agricola, vede contrari il 54% degli italiani, indifferenti il 24%, favorevoli il 16%, mentre il 6% non risponde. L'insieme di insetti con ali che vive nelle riserve naturali della Germania si è ridotto del 76% negli ultimi 27 anni, per cause ancora poco chiare.

Pochissimi, in particolare, i favorevoli alla possibilità di mangiare insetti interi, secondo quanto emerso da una ricerca dell'università di Scienze gastronomiche di Pollenzo (Cuneo) che ha effettuato dei test di degustazione coinvolgendo dei volontari. Maggiore disponibilità si è invece riscontrata - continua la Coldiretti - al consumo di prodotti che contengono insetti nel preparato (come ad esempio farina di grilli o pasta con farina di larve). Ma anche il baco da seta all'americana, le farfalle delle palme dalla Guyana francese, fritte e condite, le cimici d'acqua dalla Thailandia, ricche di fibre, proteine e vitamine e gli "aperinsetti", vermi della farina aromatizzati alla paprica, al curry e al sale marino "made in Belgio", magari da mandare giù con un sorso di Vodka con bachi da seta.

Per i palati più temerari a Cernobbio sono stati esposti anche scorpioni dorati dalla Cina e neri dalla Thailandia, scarabei consigliati come aperitivo servito in spiedini, anch'essi thailandesi. Vastissima la scelta di grilli, da quelli al curry e cocco a quelli piccanti al gusto barbecue, fino a quelli al peperoncino dolce, tutti made in Thailandia.