Puglia, reati contro la PA: 12 arresti

Puglia, reati contro la PA: 12 arresti

"Le manette sono scattate per 12 persone, fra cui il sindaco ed il vicesindaco di Torchiarolo, Nicola Serinelli e Maurizio Nicolardi; il sindaco di Villa Castelli, Vitantonio Caliandro; il vicesindaco di Poggiorsini (Area metropolitana di Bari), Giovanbattista Selvaggi; il direttore generale dell'Azienda di Servizi Ecologici - Ase di Manfredonia (Foggia), Giuseppe Velluzzi e vari altri incaricati di pubblico servizio".

I Carabinieri del comando provinciale di Brindisi hanno eseguito 12 ordinanze di arresto in carcere e ai domiciliari per reati contro la Pubblica amministrazione.

L'ordinanza è stata emessa dal gip del Tribunale di Brindisi, che ha concordato con le risultanze investigative prodotte dai carabinieri di San Vito dei Normanni.

L'inizio delle indagini risale a 2014 e hanno individuato una presunta associazione per delinquere finalizzataa compiere reati contro la PA, tra cui la corruzione, con favoriconcessi da amministratori pubblici, sia dirigenti che politici, a una società di rifiuti di Carovigno, sono emerseanche condotte di favoreggiamento della prostituzione.

Emerse condotte di favoreggiamento della prostituzione - Sono inoltre emerse condotte di finanziamento illecito dei partiti, truffa aggravata per il conseguimento di contributi pubblici, e ipotesi, a vario titolo, di favoreggiamento della prostituzione.

Con Nicola Serinelli sindaco nel 2016 invece il Comune di Torchiarolo è stato opposto alla Reteservizi Srl, su ricorso di quest'ultima esclusa da una trattatativa negoziata urgente per un affidamento temporaneo del servizio di raccolta rifiuti, che era stato affidato invece a Monteco, ottenendo una sospensiva cautelare.

Ci sono anche storie di contenziosi davanti alla giustizia amministrativa, recenti e meno recenti, sul rapporto tra i Comuni di Torchiarolo e Villa Castelli e la Reteservizi Srl di Carovigno.