Ancora violenti terremoti: questa volta ha tremato la Corea del Sud

Ancora violenti terremoti: questa volta ha tremato la Corea del Sud

Il forte terremoto in Corea del sud ha avuto, secondo le rilevazioni locali, epicentro nella costa sud-orientale della Corea del Sud, nei pressi della città di Pohang: l'agenzia meteorologica sud-coreana, la Korea Meteorological Administration, ha registrato una prima scossa di magnitudo 5.5 della scala Richter, che è stata seguita da una di magnitudo lievemente inferiore, 5.4 della scala Richter. Non ci sarebbero rischi di tsunami. L'onda sismica è stata percepita anche nella capitale Seul, distante più di 300 km.

La duplice scossa, ha riferito la Yonhap, ha spinto le autorità locali a chiedere ai residenti di evacuare a causa di nuove e possibili scosse di assestamento. Ma l'operatore statale Korea Hydro & Nuclear Power ha fatto sapere che i reattori "non sono stati affetti" dalla potente scossa. L'area di Pohang, inoltre, è particolarmente sensibile perché ospita una centrale nucleare e diversi siti industriali. Dopo il sisma/tsunami del marzo 2011 che nel Sol Levante causò la crisi nucleare di Fukushima, la Corea del Sud avviò i piani di rafforzamento degli standard di sicurezza dei reattori, portandoli a resistere a scosse di magnitudo 7.