Pornostar si toglie la vita a 23 anni: la morte shock

Pornostar si toglie la vita a 23 anni: la morte shock

I medici non hanno ancora ufficializzato le cause della sua morte, ma nessuno tra i conoscenti mette in dubbio che la celebre pornostar canadese August Ames, al secolo Mercedes Grabowski, si sia suicidata. Aveva solo 23 anni. Messaggi inviati indiscriminatamente da uomini e donne che naturalmente, alla luce di quanto accaduto, sono diventati oggetto di una specie di caccia in queste ultime ore, finalizzata puntare il dito contro quelli che sarebbero i presunti colpevoli della morte di una ragazza. A parlare sono state delle fonti vicine alla ragazza che avrebbero rivelato la grande tristezza che August viveva a causa di continue accuse, mosse da degli utenti online.

Alcuni ritengono che sia stata la violenza verbale scaturita dai social a spingere la pornostar al suicidio.

La sua scelta di non girare una scena di sesso con un attore che in passato aveva recitato in film porno gay era stata motivata pubblicamente con il fatto di voler evitare di contrarre il virus HIV. Ad annunciare la sua scomparsa suo marito, il regista Kevin Moore: "Era la persona più amorevole che io abbia mai conosciuto e per me significava tutto". Anche io non voglio. "Non so cosa fanno nella loro vita privata". August, che in passato aveva dichiarato di soffrire di depressione, ha tentato di giustificarsi, ma invano: "Non sono omofoba - ha scritto l'attrice -. Amo la community gay e questo non c'entra con l'omofobia". Perché se proprio si volesse battere la pista dell'umiliazione, il dolore di essere additata e colpevolizzata, sarebbe necessario rimarcare che la Ames era una delle attrici hard più note al mondo, con più di 270 scene all'attivo e vincitrice di due AVN Awards, il massimo riconoscimento per chi lavora nell'industria a luci rosse.