Natale, Confcommercio: "166 euro in media per i regali"

Natale, Confcommercio:

E' la fotografia scattata dall'indagine sugli acquisti per i regali del Natale 2017 da Confcommercio-Imprese per l'Italia, in collaborazione con Format Research. Nel corso del 2016 coloro che avevano dichiarato di essere intenzionati ad effettuare gli acquisti per i regali di Natale erano stati l'86,0%. Tra i regali più gettonati i generi amentari (73,5%), poi i giocattoli per i bambini (48,7%), seguiti da abbigliamento (47,1%) e prodotti per la cura della persona (36%). Coloro che pensano solo di superare i 300 euro salgono a 6,9% (6,7 nel 2016). Il dato e' confermato anche dal lieve aumento della percentuale dei consumatori che intendono spendere oltre i 300 euro per i regali del Natale 2017, 6,9% contro il 6,7% del 2016. In ogni caso, a prescindere dalla somma che si intende spendere per gli acquisti di Natale 2017, sale la percentuale dei consumatori che ha messo in preventivo per i regali una cifra superiore rispetto a quella dello scorso anno (4,8% nel 2017 e 4,5% nel 2016). I principali destinatari del Natale 2017 saranno i famigliari, quali coniuge, genitori e figli.

Una tendenza che riguarda tutto lo stivale ma diffusa principalmente al Nord (69%), seguito dal Centro (55%) e dal Sud e Isole (30%) e confermata dai recenti dati pubblicati nel 13° rapporto annuale di Federculture che evidenziano significativi segnali di ripresa del settore culturale e una spesa complessiva dei cittadini pari a 68,4 miliardi nel 2016, +1,7% rispetto al 2015. Il 75,7% continuerà però a rivolgersi ai punti vendita della grande distribuzione e il 56,7% ai negozi tradizionali. In grande crescita anche per questo Natale il ricorso da parte dei consumatori al commercio elettronico, per l'effettuazione degli acquisti per i regali.