Allegri contento a metà: "Troppi errori. Bene Dybala, ma deve stare tranquillo"

Allegri contento a metà:

La cura Allegri, a quanto pare, ha fatto bene all'argentino, che si merita i complimenti del suo allenatore: "E' importante che sia tornato al gol, siamo tutti contenti - sottolinea il tecnico bianconero ai microfoni di 'Premium Sport' -". Ammette che "non è stata da parte nostra una grande partita". Allegri si sbraccia. Poi, la fiammata. Ma sono molto contento, era una partita ricca di insidie che dovevamo vincere per tenere la scia del Napoli. La condizione psicologica conta tantissimo nel calcio. Il consiglio che posso dare a Paulo è quello di limitarsi a fare e non a pensare, dentro al campo bisogna avere il focus della cattiveria, questo vale per tutti. Il Napoli ha fatto 48 punti nel girone d'andata e un 2017 straordinario.

Le assenze di Pjanic e Cuadrado, "ancora alle prese con un'infiammazione al pube che lo mette a rischio anche per il derby di Coppa Italia", orientano Allegri verso un ritorno al centrocampo a due, vista anche l'abbondanza in attacco. Prova a reagire e a costruire, ha un solo vero sussulto grazie a un bel tiro di Verde (di poco a lato) e ringrazia Higuian per non aver chiuso il match prima dell'intervallo con una punizione (fuori) ma soprattutto con un'occasionissima su cross di Alex Sandro: palla comoda ma sprecata malamente (addosso al portiere).

Il primo tempo si è quindi concluso con gli ospiti in vantaggio ed un Verona in partita, deciso a cercare la via del pareggio.

Sul fronte opposto la situazione di Fabio Pecchia è sempre più difficile con aperta contestazione dei tifosi nei suoi confronti, nonostante il Verona abbia fornito una buona prestazione.

Se il Napoli campione d'inverno fa paura? Ma la lotta scudetto non è solo una questione tra Juventus e Napoli: "Nessuno è fuori, ci sono 19 partite e tante gare a disposizione, gli scontri diretti, noi dobbiamo guardare chi ci sta davanti", conclude.