Dichiarato il fallimento della Braccialini

A dichiarare il suddetto fallimento è stato il tribunale di Firenze che ha così rifiutato la domanda di omologa di Braccialini e ha revocato la sua ammissione al concordato preventivo. Il marchio Braccialini, invece, vive in Graziella Group che lo acquisì nel 2017 come ramo d'azienda rilevandone produzione, maestranze storiche e commercializzazione degli articoli in pelle. E adesso il tribunale decreta che per "Braccialini vi era l'impossibilità tecnica di una gestione che, pur sgravata da oneri finanziari, dall'ansia delle azioni esecutive e supportata dalla collettività tramite ricorso massiccio a cassa integrazione, era ormai decotta".

Per il tribunale sussiste il rischio rispetto a "partite essenziali di attivo e passivo" e inoltre "plurime incertezze gravano sul concordato" quindi "non può ritenersi 'assicurato' il pagamento del 20% minimo ai creditori". Il cda attuale col fallimento decade.

Mentre al curatore fallimentare resteranno da gestire alcuni asset: gli immobili, un magazzino in comune con Graziella Group (ma con una parte autonoma) e alcuni marchi rimasti in casa. Nel decreto il tribunale presieduto dalla pm Silvia Governatori, respinge la richiesta di un concordato preventivo, oltre a evidenziare rapporti di fornitura tra la maison e quattro aziende cinesi, cioè accordi che riguardano duplicazioni di fatture e pagamento per spalmare i debiti pregressi.

Le fatture sarebbero state emesse nel 2016 in tempi vicini alla richiesta di concordato, fattore questo ostativo al concordato stesso.

I motivi che hanno portato alla dichiarazione di fallimento possono essere totalmente ricondotti all'incapacità di Braccialini di ripagare quanto dovuto ai propri creditori. Bisogna ora capire le conseguenze che il fallimento dell'azienda potrebbero avere sull'inchiesta per bancarotta della procura di Firenze, in cui ci sono oltre 25 indagati, ossia i membri dei cda in carica tra il 2011 e il 2014 e i collegi dei revisori di quegli anni in cui maturarono le difficoltà dell'azienda.