Lazio-Steaua Bucarest, Inzaghi: "Vogliamo gli ottavi. De Vrij? Dispiace che vada via"

Lazio-Steaua Bucarest, Inzaghi:

Momento cruciale per la Lazio di Inzaghi ed Immobile, che si gioca molto di questa stagione in 10 giorni: l'accesso agli ottavi di Europa League, alla finale di Coppa Italia e un piazzamento Champions. Domani affrontiamo la Steaua, in una competizione dove l'anno scorso abbiamo fatto tantissimi sacrifici per arrivare. Infine, è arrivato l'appello di Strakosha e del capitano Senad Lulic: "Vi aspettiamo contro lo Steaua, con il vostro sostengo siamo più forti".

Anche Felipe Anderson può partire dal primo minuto: "Ma può essere la partita di tutti, non soltanto la sua". Uno stimolo in più per gli ospiti possono essere i tanti tifosi presenti: "Ci saranno più di 10mila rumeni, per questo speriamo che i nostri tifosi, come stanno facendo, riempiano lo stadio e si facciano sentire più dei loro". "Ma io sono tranquillo". La squadra di Simone Inzaghi, tornata alla vittoria contro il Verona dopo un periodo no (quattro sconfitte e un pareggio), cerca una notte magica all'Olimpico per ribaltare, con il sostegno dei suoi tifosi, il ko di sette giorni fa. "Non so ancora chi giocherà dall'inizio". I ragazzi son stati bravissimi, abbiamo fatto record europeo nella prima mezz'ora di tiri in porta e nonostante questo eravamo sullo 0-0. Abbiamo vinto una partita meritatissima. Queste alcune delle sue dichiarazioni, riportate dalla Gazzetta dello Sport: "Il risultato dell'andata ci penalizza, lo sappiamo, ma siamo anche consapevoli di saper segnare più di un gol. Abbiamo qualità, i gol li abbiamo sempre fatti, l'importante è non prenderli".

"È una squadra molto organizzata, che non ha pensato, nella gara di Bucarest, solo a difendersi, ma ci ha attaccato alto". Non dobbiamo prendere gol, perché 3 gol si possono anche fare, ma sono tanti. Nonostante tutto però Inzaghi è sicuro che la Lazio possa passare il turno: "Sono tranquillissimo e sereno". Cercheremo di andare avanti con tutte le forze, schierando la miglior formazione possibile.