Addio a Stephen Hawking: che malattia aveva

Addio a Stephen Hawking: che malattia aveva

Il celebre astrofisico britannico Stephen Hawking è morto, questa notte, nella sua casa a Cambridge. Per 55 anni ha convissuto con una malattia invalidante: a 21 anni, infatti gli fu diagnosticata la Sla.

Scienziato di fama mondiale, Hawking è stato il più grande cosmologo della sua generazione ma soprattutto un'icona di mondiale per il suo impegno nella ricerca e il suo attaccamento alla vita e all'umanità nonostante il suo terribile handicap.

Come viene riportato dalla Bbc, è stata la famiglia dell'astrofisico a rilasciare la notizia nelle prime ore di questo mercoledì mattina. È stato un grande scienziato e un uomo straordinatio, il cui lavoto e la cui eredità resteranno per molti anni. Di ciò che accade all'interno dei buchi neri, dove la gravità infinita crea una singolarità; di ciò che accade ai suoi limiti, dove le particelle e le antiparticelle che si creano nello spazio vengono separate, con creazione di materia - la radiazione Hawking - e con il conseguente apporto di antimateria al buco nero e la sua lenta ma inevitabile evaporazione.

Alla fine degli anni 60, è diventato famoso per la sua teoria della singolarità spazio-tempo, applicando la logica dei buchi neri a tutto l'universo. Eccola: "Alcuni anni fa, il Consiglio comunale di Monza, in Italia, ha vietato ai proprietari di animali di tenere i pesciolini rossi in bocce curve... sostenendo che sia crudele tenere un pesce in una boccia con lati curvi perché, guardando fuori, il pesce avrebbe un visione distorta della realtà". Il suo libro 'Dal big bang ai buchi neri. Ci mancherai per sempre. In varie occasioni, confermò comunque il suo coraggio, arrivando ad affermare di non essere sopraffatto dalla malattia e di sentirsi in generale fortunato: "A parte la sfortuna di contrarre la mia grave malattia, sono stato fortunato sotto quasi ogni altro aspetto". Nel 2014, la sua vita e le sue opere furono raccontate nel film 'La teoria del tutto', diretto da James Marsh. E' stato un grandissimo scienziato e un uomo straordinario.