Bonucci su Buffon: "Gli manca la Champions"

Nuovamente sul voto della stagione: "Al momento è questo ma le aspettative erano altre". Sei e mezzo. L'obiettivo era tornare in Champions? Ora è difficile ma non è un'utopia. Certo, dovremmo vincerle tutte da qui alla fine. "Potrei farmi la barba bionda", analisi lucida, parole da capitano. Juventus? In Champions siamo stati grandi anche se quando arrivi in finale sarebbe meglio vincerla. La finale di Cardiff ha fatto più male di quella di Berlino. Faccio i miei complimenti a Di Francesco, che con le sue mosse tattiche ha messo in difficoltà il Barça: la difesa a 3 e l'aggressività hanno permesso di recuperare palla in avanti ed essere pericolosi. "A livello personale sarebbe stato un duro colpo, ma andandomene l'avevo messo in preventivo perché comunque si erano rinforzati". La Juve resta forte a prescindere dai giocatori: vincere 3-0 al Bernabeu non è da tutti, c'era la possibilità di centrare l'impresa. Le proteste di Buffon? In questa lunga carriera penso che Gigi si sia costruito un'immagine perfetta del calciatore. Mai lamentele, elemento di aggregazione, poi le dichiarazioni dell'altra sera sono frutto della rabbia e per un senso di incompiutezza.

La partita dello Stadium è stata un'emozione particolare per Bonucci, riuscito anche ad andare in gol davanti ai suoi ex tifosi, protagonisti di una miriade di fischi nei suoi confronti.

"I fischi mi hanno caricato di più". Sono per la libertà d'espressione poi il tifoso paga il biglietto e può farlo. "Io sono un giocatore che ci mette sempre la faccia".

L'importanza della famiglia negli ultimi mesi: "Non solo quest'anno, anche negli anni precedenti".

Gigio ancora al Milan: "Non vedo perché no? Qui al Milan ho preso maggiormente le responsabilità dello spogliatoio perché sono il capitano, sono sempre in prima fila". Mi è pesato tantissimo non giocare contro il Napoli. Ho dato tutto alla Juventus e farò lo stesso ogni volta che indosserò la maglia del Milan. A tre ho più libertà di impostare, a quattro ho una sezione di campo più limitata. Ora col Liverpool la Roma se la gioca.

Bonucci ha poi aggiunto: "Dal punto di vista fisico è cambiato qualcosa con Gattuso?". Montella ha riportato in Europa il Milan, e va ringraziato. Con Montella eravamo brutti da vedere ma qualcosa non andava.

La parata di Donnarumma su Milik: "È forte ma ha tantissimi margini di miglioramento". Lo insulto un pochino ma in modo affettivo. A 19 anni ha disputato 100 presenze in Serie A, c'è tanto materiale su cui lavorare ma bisogna renderlo unico.

E Cutrone? "È uno che mi piace, mi ci rivedo".