Rosolini, arrestato il deputato regionale Giuseppe Gennuso: l'accusa è voto di scambio

Rosolini, arrestato il deputato regionale Giuseppe Gennuso: l'accusa è voto di scambio

È stato arrestato poche ore fa il deputato regionale Giuseppe Gennuso detto Pippo, rosolinese, dai carabinieri del comando provinciale di Siracusa. Stando alle principali agenzie di stampa, ad emettere il provvedimento sarebbe stato il Gip del tribunale di Catania, su richiesta della Dda, Direzione distrettuale antimafia etnea. Sull'inchiesta, che vede coinvolte altre persone, vige il massimo riserbo da parte degli inquirenti della Dda di Catania. Arresti domiciliari anche per Massimo Rubino, ritenuto il procacciatore di voti per conto di cosa nostra a favore di Gennuso. In carcere sarebbe finito anche Francesco Giamblanco, genero del boss di Avola Michele Crapula. Gennuso, al suo quarto mandato all'Ars, alle ultime elezioni del 5 novembre scorso, è stato eletto nella lista Popolari ed autonomisti nel collegio di Siracusa con 6567 preferenze. E' l'ennesimo deputato dell'Assemblea regionale siciliana a finire sotto inchiesta.

Adesso, invece, il parlamentare regionale è accusato di aver stretto un patto con esponenti della cosca mafiosa siracusana.