Sicilia, siglato contratto Regione-Trenitalia per 1,2 miliardi

Sicilia, siglato contratto Regione-Trenitalia per 1,2 miliardi

"Oggi con la firma del contratto di servizio - aggiungono - vengono poste le basi per la costruzione di un sistema di trasporto integrato che colleghi col treno le province siciliane". Più investimenti per il trasporto regionale che si tradurranno in un rinnovo della flotta dei treni per i pendolari, in un progressivo incremento dell'offerta, in un miglioramento delle performance di qualità.

Alla firma erano presenti anche l'assessore alla Infrastrutture e Mobilità della Regione Marco Falcone, il direttore della divisione passeggeri regionale di Trenitalia Maria Giaconia e il direttore regionale di Trenitalia Silvio Damagini. Il contratto di durata decennale ha un valore di 1,2 miliardi di euro e prevede il potenziamento delle infrastrutture, con una maggiore frequenza nelle aree urbane e una maggiore velocità per i servizi regionali a lungo raggio per collegare i principali centri regionali.

A partire dal 2019 saranno consegnati alla Regione Siciliana 43 nuovi treni: 21 Pop, 5 Flirt e 17 diesel che affiancheranno i 6 Jazz già in circolazione sulle linee dell'isola dal 2016, riducendo così l'età media dei convogli dai 24,5 anni del 2017 ai 7,6 del 2021. Ulteriori 100 milioni di euro sono previsti per revamping e manutenzione ciclica dei treni, informatica e tecnologia e interventi sugli impianti. Poi arriverà il servizio di smartcaring, che consentirà ai clienti di Trenitalia di essere avvisati direttamente sullo smartphone dell'andamento dei servizi ferroviari utilizzati abitualmente.

"In quattro mesi - dice - siamo riusciti a fare molto di più dei governi precedenti. Trenitalia ha capito di avere adesso un interlocutore esigente e leale con il quale confrontarsi per ottenere il risultato finale: la migliore qualità possibile del servizio per i cittadini". Ad affermarlo, commentando la firma del contratto di servizio da 1,2 miliardi di euro tra Regione e Ferrovie, avvenuta a Palermo, sono Mimmo Milazzo, segretario Cisl Sicilia, e Amedeo Benigno, segretario Fit Cisl Sicilia. "Nei prossimi giorni incontreremo Rfi per sapere quali programmi di investimento hanno sulla Sicilia".