'Crazy for football', e l'Italia e' Mondiale

'Crazy for football', e l'Italia e' Mondiale

La Dream World Cup è alla seconda edizione e si tiene al Pala Tiziano di Roma. Nel video, pubblicato su Instagram dall'attore Paolo Ruffini, i festeggiamenti in campo degli azzurri.

In semifinale gli azzurri aveva eliminato un'altra sudamericana, il Perù, con il risultato di 9 a 8, mentre ai quarti gli azzurri hanno superato la Francia con un netto 15 a 2. Soddisfatto il tecnico della Nazionale, Enrico Zanchini: "La semifinale era l'obiettivo minimo che ci eravamo dati e per questo non possiamo che essere contenti". Una 'pazza idea' che ha portato all'ispirazione e alla nascita del film documentario Crazy for Football del regista Volfango De Biasi e l'omonimo libro firmato da Francesco Trento e il regista del doc. "Lo sport per I pazienti psichiatrici è importante perché li aiuta con reinserimento sociale e soprattutto a produrre tutta una serie di antidepressivi naturali", così in occasione della Dream World Cup parlano Francesco Trento e Volfango De Biase, autori del documentario 'Crazy for football', vincitore del David di Donatello 2017. Nei quarti con la Francia hanno giocato tutti e questa credo che sia la mia vittoria più grande: è andato in gol anche Ruggero Della Spina, uno di quelli che fino a oggi aveva giocato pochissimo.

Grande la soddisfazione espressa anche dal suo allenatore Umberto Battista che sui social ha voluto celebrare l'impresa: "Il sogno di ogni allenatore è che un giorno un proprio atleta vinca i Campionati del Mondo. Questa maglia ha abbattuto la vergogna, lo stigma del disturbo psichiatrico e investito di orgoglio tutti". È la nazionale dei pazienti speciali, ragazzi affetti da patologie psichiatriche e appassionati di calcio, e il bello è che oltre a partecipare ha anche vinto. Festeggiamo i 40 anni della legge Basaglia con una coppa davvero eccezionale, frutto di questa riforma lungimirante. E' la Dream World Cup, una manifestazione sportiva che vede in campo 150 pazienti psichiatrici per un torneo di 4 giorni, in un torneo che si svolge presso il Palazzetto dello sport di Roma. La passione, il calcio e lo sport in generale aiutano sempre a guarire, perché non è importante il fisico ma la testa.