Juventus, Allegri: "Lo scudetto più bello, ma vogliamo più rispetto"

Juventus, Allegri:

Percentuale sulla mia permanenza?

Su Buffon: "E' un campione. Rende facili le sue parate, il suo modo di stare in porta, e questo lo rende secondo me il miglior portiere della storia del calcio". Domani, per tutti, ma per Gigi in particolare, è una giornata storica perchè dopo 20 anni lascia la Juventus e quindi domani penseremo a festeggiare.

Nel Dna di una grande squadra c'è quello di lottare su tutti i fronti. I miei quattro anni, sono stati ognuno diverso dall'altro. Il terzo è stato lo scudetto della costanza. Questo è stato quello più bello, quello dell'orgoglio perché abbiamo avuto un bellissimo duello col Napoli.

Allegri chiede rispetto per i trionfi di questi anni: "Chi non ci fa i complimenti non ha rispetto per il nostro lavoro: non si può mettere in discussione una squadra che vince 4 scudetti, 4 coppe Italia e raggiunge due finali di Champions". Il primo anno su 57 partite sono state cambiate 55 formazioni, con una media di 3-4 giocatori a partita. Numeri importanti, che ha ottenuto risultati anche in momenti di difficoltà. La lista della spesa bianconera continua poi con l'acquisto di due terzini - complici le partenze ormai certe di Lichtsteiner e Asamoah - con Darmian che viene seguito con grande attenzione. In ogni spogliatoio poi c'è un po' di casino. Alla Juve arriveranno giocatori caratteriali, che hanno voglia di lavorare e di vincere. Chi ne ha di meno acquisirà queste caratteristiche. Senza sacrificio non si vince. Uscire dalla Coppa Italia e dalla Champions, non essere competitivi in campionato, ti abbassa gli stimoli. I meriti sono tutti loro, anzi, qualche volta li ho aiutati a perdere. Perché resti alla Juventus se hai solo da perdere? Detto questo, chi non fa i complimenti a questa Juventus non è onesto. Quella è la settimana più bella della stagione.

Su Higuain e Marchisio: "Non parlo di mercato". La Juve è uno degli 8 club più importanti d'Europa grazie ai risultati dei ragazzi ed è difficile trovare meglio. Il secondo quello della tenacia, siamo partiti male ma siamo stati capaci di recuperare. Quest'anno abbiamo giocato bene, la prima parte del campionato; poi ho cambiato, serviva più solidità e la certezza di voler arrivare in fondo. Io mi diverto di più quando le cose sono complicate.

Prossimo anno annata difficile? "Ogni anno si dice lo stesso".

Ogni anno è un rischio, anche quando sono arrivato perché davano la squadra per finita.

- Un'offerta importante dall'estero può farle cambiare idea? "La prima che saprà tutto sarà la società, come tutti gli anni".

La formazione: "Cuadrado e Bernardeschi non ci saranno". Barzagli è da tenere fermo, vista l'eta... e le serate. In avanti Douglas Costa, Higuain e Dybala. Magari faccio entrare Pinsoglio alla fine.

- Cos'è per lei lo stile Juve? "Preso atto del fenomeno dell'abbandono al suolo di bottiglie in vetro e di lattine senza riguardo alla pulizia e all'igiene del suolo e dell'abitato", la prefettura ha richiesto inoltre di "valutare l'adozione di apposito provvedimento di divieto di vendita, detenzione e consumo in luogo pubblico di bevande in bottiglie di vetro e lattine o in contenitori che possano essere impropriamente utilizzati costituendo un pericolo per la pubblica incolumità, dalle ore 15 di sabato 19 maggio alle ore 2 di domenica 20 maggio nell'area cittadina interessata dalla manifestazione".