Ancona, positivo all’Hiv ha rapporti non protetti: 200 potenziali vittime

Ancona, positivo all’Hiv ha rapporti non protetti: 200 potenziali vittime

Per questo un uomo è stato arrestato ad Ancona nell'ambito dell'operazione denominata "contracted".

L'arresto è scattato dopo la denuncia dell'attuale compagna, coetanea, che ha scoperto di avere contratto la malattia. Le vittime si ritiene possano trovarsi in tutta Italia, visto che l'uomo si spostava per lavoro.

Gli esiti clinici effettuati presso il Reparto Malattie Infettive purtroppo, non hanno lasciato scampo:la giovane vittima era stata irreparabilmente contagiata nel recente periodo trascorso dal virus dell'HIV.

"Per esigenze investigative e per il rilevante interesse pubblico che potrebbe riguardare eventuali altrevittime di reato, la Squadra mobile di Ancona sta cercando di contattare coloro che abbiano eventualmente avuto incontri sessuali con il soggetto, Pinti Claudio, di cui si divulga la fotografia".

Gli agenti hanno appurato "la sua imperdonabile malafede in quanto consapevole del suo stato di salute, quindi responsabile a titolo di dolo di non aver adottato le necessarie precauzioni per evitare il contagio alla vittima, non rendendola edotta del suo stato di salute". Le forze dell'ordine anche per tale ragione sono sulle tracce di probabili partner potenzialmente contagiati. Successivamente sono state eseguite le perquisizioni domiciliari delegate dalla Procura della Repubblica volte alla ricerca di ulteriori elementi di prova utili al proseguimento delle indagini.

Un 35enne di Ancona, affetto dal virus Hiv, è stato arrestato con l'accusa di lesioni dolose gravissime, per avere avuto rapporti non protetti con almeno 200 partner.

Gli agenti che si sono presentati in casa sua per perquisire l'appartamento e sequestarre telefonini, pc e tablet, si sono resi conto di trovarsi di fronte a un uomo "incosciente" nel senso stretto del termine, dice Pagliarini, senza la minima consapevolezza del male fatto negli ultimi anni.