Dovizioso: "Ducati veloce, siamo sereni". Lorenzo: "Darò il massimo"

Dovizioso:

"Alla fine Jorge mi ha detto dopo il Qatar che era preferibile restare a casa". Solo per essere chiari, la collaborazione si è interrotta 3 mesi fa (guarda caso prima delle difficoltà di Jorge in Ducati) senza un vero motivo. Chissà, ma riportiamo i fatti. Il centauro maiorchino a fine anno passerà in Honda: "Ottime notizie per gli sponsor della Spagna... penso che la scommessa di Alberto Puig e Honda sia sorprendente e molto positiva, con due piloti molto veloci, Jorge si adatterà molto bene".

LA RICETTA DEL DOCTOR Il campione di Palma de Maiorca si è tolto qualche sassolino dalla scarpa anche nei confronti del suo storico rivale, Valentino "Il Dottore" Rossi, sottolineando che nei suoi pochi anni passati in Ducati, lo spagnolo ha fatto meglio dell'Italiano, anche senza prendere in considerazione la vittoria del Mugello. "Vogliono entrambi titoli e premi e, in pista, hanno rapporto cordiale e molto buono ( vedere Valencia 2015 )".

L'ex coach di Jorge Lorenzo Alex Debon a Radio Marca è tornato sulla spinosa questione del rapporto tra Jorge e la Ducati. "Amo questa pista, è il tracciato di casa e questo mi darà sicuramente delle motivazioni aggiuntive". Lorenzo è stato un osso duro per Dovi già a Jerez (ed è finita male) oltre che al Mugello, mentre Pedrosa in realtà, alle prese con un inizio di mondiale disastroso, non si è mai visto nelle posizioni che contano, ma anche lui potrebbe essere una variabile da tenere d'occhio.