Lavoro, Di Maio lancia il "decreto dignità" - Economia

Lavoro, Di Maio lancia il

Il decreto è stato battezzato "Decreto dignità".

Roma, 14 giu. (askanews) - Il primo decreto che il ministro del Lavoro e dello Sviluppo economico, Luigi Di Maio, presenterà in Consiglio dei ministri sarà un "decreto dignità". "Fondamentalmente però sono sempre stati decreti che servivano per fare gli interessi dei partiti o dei loro amici", sottolinea il capo politico del Movimento Cinque Stelle, citando "i decreti banche che hanno salvato delle posizioni di rendita e hanno massacrato i risparmiatori".

Per Di Maio si tratta di "quattro punti fondamentali da cui è necessario partire per ristabilire un principio calpestato in questi anni: il cittadino al centro". "Ora gli imprenditori avranno lo stato dalla loro parte", sottolinea Di Maio. Il secondo punto sarà "una norma sulle delocalizzazioni". La terza questione è "la lotta alla precarietà: ridurre il rinnovo illimitato dei contratti a tempo determinato e dare garanzia a nuove categorie tipo i 'riders' che sono le prime persone a cui ho aperto le porte del ministero del lavoro". Per riuscirci, il leader degli M5S pensa che la strada sia questa: "Chi prende fondi pubblici non può andare all'estero". Infine, nella legge di bilancio di quest'anno, secondo Di Maio "si dovrà avviare il fondo per il reddito di cittadinanza in modo da renderlo operativo il prima possibile". Lotta alla precarietà. Il Jobs Act è andato nella direzione dell'eliminazione di diritti e tutele, noi faremo esattamente l'opposto. 4. "Come ministro dello Sviluppo Economico, voglio evitare la pubblicità del gioco d'azzardo" ha precisato Di Maio, "in particolare dell'on-line, e regolamentare anche quello non on-line, e' un'emergenza che sta distruggendo le famiglie" ha concluso. Quarta e ultima tematica, lo stop alla pubblicità del gioco d'azzardo. "Entrambi nuociono gravemente alla salute dei cittadini".