Acqua contaminata da idrocarburi: ritirato lotto della San Benedetto

Acqua contaminata da idrocarburi: ritirato lotto della San Benedetto

Il Ministero della Salute ha informato come l'allerta sia scattata lo scorso 11 giugno e riguarderebbe l'acqua confezionata nelle bottiglie in PET da mezzo litro che sono identificabili dalle lotto numero 23LKB6137E e dal scadenza 16 11 2019 prodotte tutte nello stabilimento di via Statale 17 a Popoli in provincia di Pescara e che presentano il marchio di identificazione 033PE1045.

Il Ministero della Salute pare abbia comunicato il richiamo immediato di alcuni Lotti di acqua Gran Guizza, che è prodotta dalla società San Benedetto perché ci sarebbe il rischio chimico dovuto alla presenza consistente di contaminanti idrocarburici.

Come si legge nell'avviso pubblico del Ministero della Salute, il motivo del richiamo è da ricercare nel potenziale rischio chimico per i lotti del prodotto indicati.

Una serie di campionamenti svolti dall'autorità sanitaria di competenza su alcune bottiglie prelevate presso un distributore automatico di bevande refrigerate hanno rilevato una non conformità dell'acqua, a causa del superamento dei limiti per contaminanti idrocarburici aromatici. La confezione è quella di bottiglie in pet da 1,5 litri e la raccomandazione è di non consumarle ma di riportarle al punto vendita per la sostituzione o il rimborso.

"Garantiamo, dunque, l'assoluta purezza per tutti i prodotti e i lotti non indicati nella comunicazione", dicono dalla Gran Guizza.

Le autorità competenti stanno indagando e facendo verifiche per accertare eventuali responsabilità. Interessato dal provvedimento un lotto di acqua minerale San Benedetto Fonte Primavera.

La San Benedetto inoltre chiarisce che "gli impianti ove la Fonte Primavera è captata e imbottigliata sono progettati, realizzati, collaudati e controllati in conformità agli standard di qualità più stringenti previsti dalle normative e adottati dal Gruppo San Benedetto". Secondo le prime indiscrezioni circolate all'indomani di questa decisione, sollecitata dall'azienda stessa per ovvie ragioni di tutela della sicurezza e della salute dei consumatori, i controlli di routine hanno evidenziato la presenza di una contaminazione consistente a base di idrocarburi.

"Come misura precauzionale, a tutela della sicurezza dei propri consumatori, la Società ha deciso di ritirare tutte le bottiglie di acqua minerale del lotto oggetto del campionamento".