Dieselgate, la polizia tedesca ferma il numero uno dell'Audi

Dieselgate, la polizia tedesca ferma il numero uno dell'Audi

L'Audi risulta sotto indagine dal 2015 per lo scandalo dieselgate.

Secondo quanto affermato da Repubblica, l'amministratore delegato di Audi, Rupert Stadler, è stato arrestato dalla Polizia tedesca. Il manager è indagato nell'ambito del dieselgate.

Il manager - accusato a fine maggio assieme a un altro membro del comitato esecutivo di frode - è stato posto in detenzione, perché la procura ritiene che sussista un "rischio di occultamento delle prove". La scorsa settimana la Vw, gruppo del quale è parte il marchio dei quattro anelli, ha accettato di pagare una multa di 1 miliardo di euro decisa dalla procura di Stato di Braunschweig.

Audi anche è stata interessata dallo scandalo: dall'inizio di giugno sono state richiamate circa 60mila Audi A6 ed A7 da parte dell'Agenzia Federale dell'Automobile (KBA), a causa della scoperto nei veicoli di un "software illegale" che distorceva i livelli di emissione dei gas inquinanti.