Governo Lega-M5s. Prima fase flat tax entro agosto: si studia pace fiscale

Governo Lega-M5s. Prima fase flat tax entro agosto: si studia pace fiscale

Unica fuga in avanti: l'annuncio che la revisione della Fornero sarà introdotta nella prossima legge di Bilancio. "Penso si potrà fare subito qualcosa nel 2018, in particolare sul fronte delle imprese".

La flat tax potrebbe già essere prevista dal prossimo agosto per le imprese con fatturati ridotti, interessando anche le partite Iva. Par di capire che dovrebbe riguardare in primis le partite IVA e le piccole imprese.

Quindi, una sorta di regime dei minimi allargato (l'aliquota per le partite Iva forfettarie è appunto il 15%). C'è anche l'auspicio che si possa fare qualcosa di importante anche prima.

Più complessa la questione della pace fiscale, pure annunciata da Garavaglia ma che ancora va approfondita sia per valutare bene il gettito potenziale, che sarebbe ben al di sotto dei 50 miliardi ipotizzati, sia per evitare che si sovrapponga alle due tranche di rottamazione delle cartelle ancora in corso (proprio oggi l'Agenzia delle Entrate-Riscossione ha iniziato a rispondere ai 950mila contribuenti che hanno chiesto di aderire alla rottamazione bis). La pace fiscale non sarà "assolutamente" un condono, ha assicurato Garavaglia, spiegando che invece sul contante, che in effetti non è tema del contratto di governo, bisognerà comunque "ragionare insieme" agli "amici 5 Stelle".